Categorie

News on Facebook
1 month ago
Foto del diario

Sara Repetto and Lars Pedersen in Svendborg promoting Salvano Wines !!!!! Enjoy!!!! #trabuch ... See more

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
1 month ago
Foto del diario

Buon compleanno Piero! Sempre in gamba!

Happy birthday Piero! Forever 18! ... See more

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
1 month ago
Foto del diario

_Barbaresco 2014_
_Barolo Riserva Vinorum ... See more

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
1 month ago
Les Vins de Maeil 레뱅드매일

Cheers!

[화이트와인]

무더운 날씨에 무기력함을 시원하게 칠링된 청량감 넘치는 ... See more

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
« 2 of 13 »

Chi Siamo

Le origini della cantine Salvano risale a primi anni del ‘900. E’ difficile definire con data precisa l’inizio della vinificazione delle uve coltivate. A quel tempo la viticoltura non era l’unica attività dell’azienda agricola ed infatti si coltivavano grano, patate e nocciole. Tuttavia si può stabilire negli anni ’30 come l’inizio della attività di trasformazione di uva in vino atta alla vendita ed al commercio. Angelo Salvano inizia la produzione di vini nella cascina “Grillo” tra le vigne di Diano d’Alba, nel cuore delle Langhe. I suoi prodotti, frutto del faticoso lavoro nelle vigne e della dedizione ad una terra dura e ricca allo stesso tempo, iniziano ad essere conosciuti da molti. Nell’immediato dopoguerra la ferrea volontà del figlio Saverio gli permise di ampliare la cantina e trasferirsi in Valle Talloria. Da qui inizia l’imbottigliamento del vino, prima solo venduto e distribuito in piccoli fusti e damigiane. Il nome Salvano diventa sinonimo di vini di qualità riscontrando successo in tutto il Nord d’Italia.

I nostri Vini

Produciamo vini dagli anni ’30, precedentemente era uno dei tanti lavori che si svolgevano portando avanti un’ azienda agricola. Ora siamo fieri di poter dedicare le nostre energie alla nostra passione che è trasformare l’uva in vini.

Territori

Le Langhe, culla del vino

Le Langhe: il territorio più importante del Nord Italia per qualità e varietà vitivinicola. Colline scoscese e selvagge, simbolo da sempre del duro lavoro nei vigneti, ma anche pendii dolci e sinuosi, un panorama di una struggente bellezza, candidato a diventare patrimonio dell’umanità UNESCO.